De Leon – De Leon C23


a0686276853_10

Sappiamo giusto che questi tapes provengono da UK , che la label si chiama Aught e che la semplicità ed il mistero sono i suoi marchi di fabbrica. Una semplicità che ritroviamo sin dal package dei propri lavori e nella capacità di ridurre all’essenziale gli elementi musicali. Il mistero perlopiù è a dato dall’anonimato del suo rooster, le identità nascoste dei suoi musicisti non ci datto ulteriori info ma lasciamo pieno spazio alla musica, non ci è dato sapere su chi muova le mani del tutto ma questo non scoraggia gli ascoltatori, anzi, la scelta furba non fa che aumentare l’interesse, dietro a tutto ciò potrebbe esserci chiunque, un semplice ragazzo brufoloso che spippola con le manopole  dei suoi synth o magari qualche big che si diverte senza il peso del nome. Ciò che abbiamo per ora sono questi tre lavori prodotti dall’etichetta, ossia, Topdown Dialectic c20Elizabethan Collar c26 ed infine, questo De Leon C23  un manto fitto, composto da diversi strati dove si intrecciano beat, loop, elettronica ossessiva ed esperimenti noise, acustici, synth vibranti e casse in delay. Un disco particolare e forse per certi versi per un po’ ostico, ma non così difficile da assimilare.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *